ESCLUSIVA TLP - Racing Roma, mister Giannicchedda: "La squadra è in salute, per noi ogni partita è come una finale"

di Stefano Scarpetti
articolo letto 1075 volte
Giannicchedda, Racing
Giannicchedda, Racing

La Racing Roma sta dando inequivocabili segni di ripresa in questo ultimo scorcio di campionato: una squadra che da molti era stata data per spacciata, ma che adesso sembra in grado di potersi giocare le proprie carte in chiave salvezza. Ai microfoni di TuttoLegaPro.com parla il tecnico gialloverde Giuliano Giannicchedda, il quale ha fornito un quadro a 360° della situazione all'interno del club capitolino.

11 punti nelle ultime 5 partite, c'è un segreto su questo ruolino di marcia dell'ultimo periodo?

“La squadra sta vivendo un ottimo stato di salute, stanno arrivando quei punti che non sono arrivati nel girone d'andata. In ogni partita i ragazzi cercano di portare a casa il massimo, mettendo in pratica il lavoro settimanale, e credo che gli innesti avvenuti nella finestra di gennaio del calciomercato ci abbiano fornito un aiuto in questo senso”.

A proposito di girone d'andata: qual'è stato il momento peggiore e cosa vi ha permesso di superarlo?

“Abbiamo lavorato sempre con grande serenità, sapevamo a inizio campionato di dover andare incontro a delle difficoltà, costruendo una squadra giovane in un torneo difficile come quello della Lega Pro può capitare. Io però non mi sono mai sentito sulla graticola, il club ha sempre creduto nel mio lavoro e il rapporto con la proprietà è sempre stato limpido".

Per lei prima stagione alla guida di un club: che primo bilancio può tracciare?

“Sicuramente è ancora presto per fare dei bilanci, in precedenza sono stato selezionatore quindi sono chiamato a compiere un lavoro diverso rispetto al passato. Finora si è trattato di un esperienza bellissima e formativa, naturalmente il mio pensiero e quello del mio staff è di dare il massimo in questo finale di torneo".

Con i punti ottenuti in queste ultime settimane la salvezza si è portata a sette punti: evitare i play-out è un obiettivo possibile per la Racing?

“Noi non pensiamo alla distanza dalla salvezza diretta, ci porterebbe a consumare troppe energie nervose. Ogni partita per noi è come se fosse una finale, e mi rendo conto che questa possa sembrare una frase fatta, ma questo deve davvero essere il nostro spirito, che ci accompagnerà in questa parte finale del torneo”.

Sabato ci sarà lo scontro diretto di Carrara: con quale spirito vi avvicinate a questo tipo di confronto?

“Come in ogni partita, dovremo avere uno spirito battagliero. Naturalmente la gara di Carrara avrà una valenza maggiore perchè facendo punti si toglieranno ai nostri avversari, tuttavia ogni partita, come dicevo in precedenza, assume valore per noi".


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI