ESCLUSIVA TLP - Fano, Fioretti: "Adesso siamo osso duro per tutti, alla salvezza ci crediamo più che mai. Contento di aver raggiunto i cento gol da pro con questa maglia"

di Dario LO CASCIO
articolo letto 1666 volte
Giordano Fioretti
Giordano Fioretti

Il Fano nelle ultime sei giornate ha conquistato ben 13 punti, con quattro vittorie, un pareggio e una sola sconfitta. Un'inversione di tendenza che ha lanciato i granata dall'ultimo posto fino ad un solo punto dalla salvezza diretta. Senza ombra di dubbio è tra le squadre più in forma della bassa classifica. E tra i protagonisti di questo momento felice c'è sicuramente l'attaccante Giordano Fioretti, che col Fano ha raggiunto e superato un importante traguardo personale ed ha anche siglato il calcio di rigore da tre punti al "Tardini" di Parma. TuttoLegaPro.com ha intervistato in esclusiva Fioretti, partendo proprio dal match vinto contro i crociati:

Giordano, quanto pesava quel pallone quando sei andato a battere il calcio di rigore?

"Ovviamente un po' perché era un'occasione importante per passare in vantaggio su un campo difficile come Parma. Ho calciato bene e sono contento. Chiaramente poi abbiamo sofferto ma contro una squadra del genere ci sta, siamo stati bravi a tenere botta e a riuscire a portare a casa il bottino pieno".

La stagione per il Fano sembra finalmente aver raggiunto una svolta.

"Veniamo da ben tre vittorie consecutive ma siamo ancora nel calderone dei play-out, abbiamo lasciato l'ultimo posto è vero, ma ancora non abbiamo fatto niente. La concorrenza è estrema e basta un passo falso per farsi scavalcare. Noi dobbiamo concentrarci e cercare di continuare così. Posso dire però che adesso siamo un osso duro per tutti, abbiamo raggiunto un equilibrio importante e acquisito una mentalità che può davvero fare la differenza".

Eppure quando a gennaio sei arrivato in granata l'obiettivo salvezza diretta sembrava un miraggio, adesso è distante solo un punto.

"Sì, quando sono arrivato eravamo ultimi. Questo gruppo ha tanta qualità ma a gennaio erano tutti un po' giù. Nonostante gli episodi negativi però siamo stati bravi a reagire e bisogna dare merito a tutti, da chi c'era prima ai nuovi innesti, dallo staff tecnico fino alla società e ovviamente ai tifosi, che non hanno mai smesso di incitarci e di sostenerci. È chiaro che alla salvezza ora ci crediamo più che mai".

Prossimo avversario il Forlì, diretta concorrente. Fare punti in Romagna sarebbe fondamentale.

"Per noi ormai sono da considerare tutte finale. Andremo su un campo difficile, contro una squadra che sta un punto sopra di noi. Ma dobbiamo affrontarla come fosse il Parma o il Venezia, cambia poco l'avversario. Dobbiamo solo pensare ad affrontare l'impegno nel migliore dei modi, scendendo in campo con la mentalità giusta".

Per te, con quella di Parma, sono 101 reti tra i professionisti, un bel traguardo personale.

"Ora ne mancano solo 99 ai duecento (ride,ndr). Comunque era un traguardo che cercavo e nonostante gli infortuni e i mesi negativi a San Benedetto sono riuscito a conquistarlo, anche se con un po' di ritardo. Ma era un qualcosa che cercavo da tanto, un obiettivo personale al quale tenevo particolarmente, e sono davvero contento per averlo raggiunto qui a Fano".


Altre notizie
Mercoledì 20 Settembre
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI